venerdì 12 settembre 2008

Isola del Giglio, 6 Settembre 2008

"Quando si dice...la fortuna!"
Il grande sogno di ogni anno, le ferie al Giglio! Poi o per motivi di lavoro e/o di salute, succede sempre qualcosa all'ultimo momento e le mie ferie saltano. Ma quest'anno mi ero organizzato bene, anche se il lavoro, che in Agosto aumenta, mi creasse problemi, continuavo a ripetermi, almeno gli ultimi 3 giorni li farò, con la scusa di andare a recuperare i miei, già lì da 13 gg, ma quando si fanno i conti senza l'oste...!
Arrivo all'isola il 5 pom., con un mare che non vi dico!!! e già perchè il tempo peggiora propio quel giorno lì, ma appena sbarcato vado da Aldo del diving Deep Blue, 30 mt dalla ns dimora, mi prenoto per la mattina seguente, mi dice che ci saranno anche dei romani ed il tuffo si farà! (mai perdere la speranza). Infatti l'indomani i romani "non ci sono" a causa del maltempo e se proprio voglio tentare di uscire, lui non si muove per uno, mi potrei aggregare ad un gruppo di tedeschi, gli unici "impavidi" che escono con quel mare, potevo dire di no? A bordo, oltre ai 4 sub(biologi) + la guida, tutti tedeschi, c'era anche Mauro (torinese in vacanza). Prima di partire spiegazioni rigorosamente in tedesco agli imbarcati di come funziona e si governa un gommone, i comandi del motore, la radio, come si cala e si recupera l'ancora, come si risolvono le emergenze e finalmente si parte! Via dal Campese verso nord col motore al minimo (non era possibile andare più veloci) e zigzagando tra le onde ad occhi quasi chiusi, (gli spuzzi di acqua di mare sparati con forza dal vento fanno male!) troviamo riparo, dopo una ventina di minuti, in una ansa riparata dal vento. Nessuno di loro mi ha saputo dire il nome in Italiano del sito, ma guardando la cartina la zona era quella di punta della secca. Altro breefing in tedesco, ovviamente, ma almeno a gesti abbiamo capito qualcosa del sito. Finalmente ci buttiamo e 2 metri sotto cambia tutto, la visibilità non è quella proverbiale del Giglio ma col mare così non poteva esser meglio, ho fatto qualche foto, niente di chè ma almeno mi resta un piccolo ricordo di questa "avventura tedesca".


Isola del Giglio, 6 Settembre 2008.

3 commenti:

ilaria - anguilla elettrica ha detto...

Grande Primo!
Bravo per non aver perso la speranza...e essere riuscito a strappare con i denti il tuffo!
...è proprio vero che chi "la dura la vince"

Ilaria - anguilla elettrica

Primo ha detto...

Grazie Ilaria, dici bene "chi la dura la vince" ma, sempre più spesso, poi, mi trovo a dover fare i conti con un'Oste che fà di nome..."Età" e chissà come mai ha sempre ragione lui!

ilaria - anguilla elettrica ha detto...

Non sto scherzando dicendoti che ti ammiro per la tua voglia di fare e di "immergerti" sempre in nuove avventure...non è da tutti avere così viva la voglia di imparare e di migliorarsi!

Ilaria